Sign up with Email

Already have an account? Login


Tips Numero 1002

Resoconto TIPS

1) Classificazione di Mallampati

2) Classificazione di Forrest

3) Classificazione di Ann Arbor

4) Classificazione di Dukes

5) Classificazione di Papanicolau

 

image

1) Classificazione di Mallampati

image

Il punteggio di Mallampati, chiamato anche la classificazione di Mallampati, è un sistema di punteggio anestesiologico utilizzato per determinare il potenziale di difficoltà e di rischio nella intubazione di un paziente che deve essere sottoposto ad un intervento chirurgico. Il punteggio va dalla classe I alla classe IV.

Classe I: visibili il palato molle, l’ugola, le fauci ed i pilastri.

Classe II: visibili palato molle, ugola e fauci.

Classe III: visibili palato molle e base dell’ugola.

Classe IV: visibile solo il palato osseo.

Pazienti della classe I e II sono a basso rischio di intubazione difficoltosa, mentre quelli della classe III e IV sono da considerare a rischio aumentato.

 

2) Classificazione di Forrest

La classificazione endoscopica dell’emorragia da ulcera peptica più usata in Europa è quella di Forrest ,che distingue tre gradi di gravità:

  • il grado I comprende il sanguinamento attivo (a getto: Ia, o a nappo: Ib)
  • il grado II comprende i segni di sanguinamento recente (vaso visibile: IIa; coagulo adeso alla lesione: IIb; chiazza ematinica sul fondo dell’ulcera: IIc)
  • il grado III indica l’assenza di segni di sanguinamento e la presenza di un’ulcera a fondo deterso.

La classificazione di Forrest è utile perché le differenti lesioni hanno un diverso rischio di risanguinamento a breve termine, di ricorso alla chirurgia e di morte.

image

Classificazione di Forrest

3) Classificazione di Ann Arbor

image

La classificazione di Ann Arbor inizialmente era stata proposta per i linfomi di Hodgkin, ma successivamente è stata applicata anche per i linfomi non Hodgkin

Tale classificazione prevede 4 diversi stadi:

– STADIO I   interessamento di un solo linfonodo o di una sola stazione linfatica (uno o più linfonodi contigui)

– STADIO II   interessamento di due o più stazioni linfonodali sopra o sotto il diaframma o di un linfonodo e di un organo attiguo

– STADIO III   interessamento di stazioni linfonodali sopra e sotto il diaframma

– STADIO IV   interessamento di strutture extra-linfonodali con o senza coinvolgimento linfonodali

Ogni stadio è sottoclassificato come A o B in presenza o assenza, rispettivamente, di uno o più dei seguenti sintomi: sudorazioni notturne, febbre, calo ponderale superiore al 10% negli ultimi sei mesi.
Oltre ai linfonodi sono considerate regioni linfatiche: la milza, il timo, l’anello del Waldeyer, l’appendice, e le placche di Peyer dell’intestino. Il criterio fondamentale che ispira ogni sistema di stadiazione è l’identificazione di gruppi di rischio differenti ed omogenei per prognosi e risposta alla terapia, dove per rischio si intende la probabilità che il tumore progredisca o recidiva nel tempo. Se il rischio è basso, generalmente la terapia è conservativa o poco aggressiva. Al contrario se il gruppo di rischio è elevato, solitamente è necessaria una terapia più aggressiva.

4) Classificazione di Dukes

image

La classificazione di Dukes del cancro colorettale correla la gravità del tumore con le caratteristiche anatomopatologiche.

1.I pazienti con lesioni superficiali che non penetrano nella tonaca muscolare o che non interessano i linfonodi sono classificati nello stadio A. La sopravvivenza a 5-anni è alta, 90%.

2.Gli individui in cui il tumore penetra più in profondità, ma senza diffusione linfonodale sono classificati nello stadio B, con una sopravvivenza a 5-anni compresa tra il 70 ed l’85%.

3.Quando i linfonodi regionali sono interessati si parla di stadio C, con sopravvivenza a 5-anni del 30-60%.

4.La presenza di metastasi a distanza (fegato, polmone, ossa) indica lo stadio D, con percentuale di sopravvivenza a 5-anni solo del 5%.

5) Classificazione di Papanicolau

image

Il Pap-test consiste nel prelievo di alcune cellule di sfaldamento a livello del collo dell’utero. E’ un esame quindi rapido, indolore, ma estremamente importante per individuare alcune lesioni provocate dal Papilloma virus e per diagnosticare eventuali processi infiammatori e/o infettivi, patologie displastiche o neoplastiche del collo dell’utero, che ad oggi rappresenta il secondo tumore maligno nella donna dopo quello mammario.

Il Pap-test consiste nel prelievo di alcune cellule a livello del collo dell’utero. In occasione della visita ginecologica, dopo l’applicazione dello speculum, il prelievo viene eseguito mediante una spatolina (spatola di Ayre) che delicatamente asporta delle cellule dal collo dell’utero. Il prelievo deve essere sia esocervicale (mediante la spatola di Ayre), sia endocervicale attraverso una differente spatolina (citobrush). I due prelievi vengono strisciati su due vetrini separati o su un unico vetrino in due segmenti diversi e fissati con apposito spray. La colorazione e la lettura del vetrino sarà competenza di un laboratorio analisi.

E’ preferibile eseguire il Pap-test in fase pre-ovulatoria (prima metà del ciclo), in assenza di sanguinamenti.

Inizialmente Papanicolau individuo’ 5 classi:

– Classe I: reperto di normalità (assenza di cellule anormali o atipiche)

– Classe II: reperto infiammatorio (cellule anormali ma non maligne)

– Classe III: reperto sospetto (cellule atipiche)

– Classe IV: reperto positivo (cellule fortemente sospette di malignità)

– Classe V: reperto positivo (cellule maligne)

Successivamente nel 1989 Richart propose per la classe III di Papanicolau la classificazione in CIN a basso grado (displasia lieve – CIN 1) e un CIN di alto grado (displasia media e grave – CIN 2-CIN 3).

La classe III di Papanicolau ovvero le classi CIN 1-2-3 (displasia lieve, moderata, grave) individuano un processo evolutivo da benigno a progressivamente piu’ sospetto (le displasie). Le forme displastiche non trattate o monitorizzate evolvono verso un processo di malignità progressivo (carcinoma in situ e poi invasivo – classi IV e V di Papanicolau).

1 di 41 
"Nella terapia del dolore cronico le linee guida indicano:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) buprenorfina

B) La sequenza FANS - oppioide debole - oppioide forte 

C) un FANS

D) morfina per via orale

E) morfina per via sottocutanea

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'La sequenza FANS - oppioide debole - oppioide forte '.

2 di 41 
"Tra i micobatteri non tubercolari, quello di piu' frequente riscontro nei pazienti HIV sieropositivi e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) M.fortuitum

B) M.scrofulaceum

C) M.marinum

D) M.kansasii

E) M.intracellulare/ M.avium

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' M.intracellulare/ M.avium '.

3 di 41 
"L'acido pantotenico e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) il precursore del coenzima A

B) una vitamina fortemente lipofilica

C) un derivato del catabolismo del colesterolo

D) il prodotto della demolizione della carnitina

E) un precursore della sintesi dell'emoglobina

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' il precursore del coenzima A '.

4 di 41 
"In base alla legge 626/94 rientra fra i compiti del datore di lavoro"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Disporre le cose da fare nel caso di qualsiasi emergenza (incendio, scoppio, incidenti ecc.)

B) Tutte le risposte elencate sono corrette

C) Dare disposizioni nel caso si debba prestare primo soccorso a feriti/infortunati

D) Dare precise istruzioni e preparare un piano nel caso vi sia pericolo grave con la necessita' di far uscire rapidamente i lavoratori (misure di evacuazione dei lavoratori)

E) Designare dei lavoratori per ciascuna di queste evenienze e addestrarli allo scopo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Tutte le risposte elencate sono corrette'.

5 di 41 
"Qual e' il fattore che influenza maggiormente la prognosi del carcinoma colo-rettale ?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) dimensione della neoplasia

B) stadio di Dukes

C) sede della neoplasia

D) eta' del paziente

E) grado istologico

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la B
    Lo stadio patologico o stadio di Dukes rappresenta il principale fattore prognostico per le neoplasie del colon-retto e il fattore su cui basare la scelta del trattamento più indicato. Si distinguono:
    - Stadio 0 (carcinoma in situ): neoplasia limitata alla mucosa della parete
    - Stadio I (Dukes A): neoplasia che invade la parete muscolare del colon, ma che non la supera, non invadendo gli organi circostanti
    - Stadio II (Dukes B): interessamento della sierosa parietale o degli organi circostanti
    - Stadio III (Dukes C): invasione linfonodale
    - Stadio IV (Dukes D): metastasi a distanza.

6 di 41 
"Un patologo riceve un appendice di un uomo di 32 anni con storia di "appendicite acuta". Microscopicamente l'infammazione coivolge esclusivamente la sierosa. Che cosa dovrebbe sospettare fortemente il patologo:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Peritonite da malattia in un altro organo

B) Appendicite acuta lieve in fase iniziale

C) L'appendice e' normale

D) Poliarterite nodosa

E) Appendicite cronica

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la A
    La parete appendicolare contiene tutti gli strati della parete del colon: mucosa, sottomucosa, muscolatura (longitudinale e circolare) e il rivestimento sieroso. Nella forma catarrale l’appendice può non mostrare significative alterazioni macroscopiche, tuttavia, quando presenti, esse sono costituite da iperemia, edema della sottomucosa ed essudato all’interno del lume con un’irritazione inizialmente all’estremità distale dell’appendice e successivamente estesa a tutto l’organo; in questa fase gli stati esterni dell’appendice non sono interessati, la sierosa, infatti, risulta apparentemente normale (risposta C errata). In presenza di un solo coinvolgimento macroscopico della sierosa, pertanto, è lecito pensare ad una peritonite determinata da patologia di un altro organo.

7 di 41 
"IL PIOMBO E' UN FORTE INIBITORE DEGLI ENZIMI:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) tiolo dipendenti 

B) idrogeno dipendenti

C) K dipendenti

D) Ca dipendenti

E) ATP dipendenti

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'tiolo dipendenti '.

8 di 41 
"Il soffio sistolico della insufficienza mitralica:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) e' sempre pansistolico

B) Si accompagna sempre a un primo tono forte

C) e' sempre irradiato all'ascella sinistra

D) Puo' avere caratteri differenti a seconda del tipo di insufficienza

E) Si accompagna sempre a un terzo tono forte

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Puo' avere caratteri differenti a seconda del tipo di insufficienza'.

9 di 41 
"L'associazione in una radiografia del torace di ipertensione venosa e salienza dell'auricola di sinistra sono fortemente orientativi per:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Miocardiopatia

B) Cardiopatia congenita cianogena

C) Agenesia parziale del pericardio

D) Insufficienza ventricolare sinistra post infartuale

E) Stenosi mitralica

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la E
    La stenosi mitralica è una condizione patologica caratterizzata dal difficoltoso o ridotto passaggio di sangue dall’atrio al ventricolo di sinistra. Si manifesta generalmente con dispnea da sforzo; successivamente possono manifestarsi ortopnea e dispnea parossistica notturna, episodi di edema polmonare acuto, tosse e raramente emottisi, soprattutto in caso di elevata pressione atriale sinistra.
    In fasi molto avanzate della malattia possono comparire sintomi attribuibili all’atriomegalia, come disfonia e disfagia, fibrillazione atriale ed embolie sistemiche. Inoltre, la riduzione del passaggio di sangue dall’atrio al ventricolo determina l’aumento di pressione nell’atrio di sinistra il che si ripercuote a monte con un quadro di ipertensione venosa polmonare.
    All’RX del torace, quindi, in casi avanzati, si potranno osservare la salienza dell’auricola di sinistra e segni di ipertensione venosa polmonare.

10 di 41 
"Di norma, il flusso ematico cerebrale e' fortemente influenzato da: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Attivita' fisica

B) Postura

C) pCO2 plasmatica

D) pO2 plasmatica

E) Attivita' cerebrale

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' pCO2 plasmatica '.

11 di 41 
" Per agitazione si intende: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) uno stato causato dalla mania

B) uno stato di forte tensione emotiva

C) un tremore incontrollabile

D) uno stato di inquietudine psicologica e motoria

E) uno stato associato alla schizofrenia

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' uno stato di inquietudine psicologica e motoria '.

12 di 41 
" Quale delle seguenti patologie potrebbe avere un bambino di 12 mesi che presenta febbre elevata per tre giorni che cade per crisi al quarto giorno con la comparsa di un esantema maculo-papulare al dorso: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Morbillo

B) Reazione allergica al paracetamolo

C) Esantema critico

D) Malattia di Dukes Filatow

E) La quinta malattia

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Esantema critico '.

13 di 41 
"Nell'otosclerosi in stadio avanzato il riflesso stapediale e' "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) assente

B) presente con effetto on-off

C) ridotto

D) fortemente aumentato rispetto alla norma

E) nella norma

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' assente '.

14 di 41 
" Un uomo di 72 anni presenta forti dolori al dorso, una massa addominale pulsante ed ipotensione. La diagnosi presuntiva e': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) aneurisma dell'arteria epatica

B) sindrome di Leriche

C) infarto intestinale

D) rottura o fissurazione di aneurisma dell'aorta addominale

E) aneurisma dissecante dell'aorta

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' rottura o fissurazione di aneurisma dell'aorta addominale '.

15 di 41 
"Una delle seguenti affermazioni e' falsa:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) il virus dell'epatite C e' causa di ascessi epatici

B) esiste una associazione tra virus dell'epatite C e crioglobulinemia

C) l'infezione cronica da virus dell'epatite C puo' condurre il paziente a cirrosi epatica

D) esiste una forte associazione fra virus dell'epatite ed epatocarcinoma 

E) il virus dell'epatite C e' causa di epatite cronica in una percentuale considerevole degli individui infettati

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'il virus dell'epatite C e' causa di ascessi epatici'.

16 di 41 
"L'assunzione sistematica di droghe in adolescenza: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) e' una condotta di dipendenza che non incide sui processi psichici dell'adolescente;

B) non e' una condotta di dipendenza;

C) puo' essere gestito dalla libera iniziativa dell'adolescente.

D) ha effetti comunque reversibili in futuro;

E) e' una condotta di dipendenza indice di una forte problematicita' dei processi psichici dell'adolescente;

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' e' una condotta di dipendenza indice di una forte problematicita' dei processi psichici dell'adolescente; '.

17 di 41 
"Quale delle seguenti fa parte delle facomatosi? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) sindrome di Prader- Willi

B) sindrome di Dandy-Walker

C) malformazioni di Arnold-Chiari

D) sclerosi tuberosa

E) amaurosi di Leber

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' sclerosi tuberosa '.

18 di 41 
"Quale delle seguenti diagnosi e' piu' probabile in un soggetto con obesita', ipogenitalismo e ritardo mentale? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Sindrome di Angelman

B) Sindrome di Marfan

C) Sindrome di Smith-Lemli-Opitz

D) Sindrome di Cornelia de Lange

E) Sindrome di Prader-Willi

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Sindrome di Prader-Willi '.

19 di 41 
"Una frattura esposta e' una:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Frattura pluriframmentaria

B) Una frattura esposta al rischio di non consolidarsi col tempo

C) Frattura non consolidata

D) Frattura con forte spostamento dei frammenti

E) Frattura con lesione dei tessuti molli e comunicazione del focolaio di frattura con l'esterno

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la E
    Una frattura esposta è una frattura con lesione dei tessuti molli e comunicazione del focolaio di frattura con l'esterno; in questo caso la soluzione di continuità dei tessuti non deve necessariamente trovarsi sul focolaio di frattura ma può ritrovarsi lungo tutto il segmento interessato. La localizzazione più frequente delle fratture esposte è la tibia;  esse sono classificate secondo la classificazione di Gustilio e Anderson, utile nella scelta del trattamento più opportuno, in fratture esposte di:
    - I grado: nel caso in cui la ferita si apra da “dentro verso fuori”, e sia inferiore ad 1 cm con un grado di contaminazione lieve.
    - II grado: nel caso in cui la ferita misuri tra 1 e 10 cm di lunghezza ed il grado di contaminazione sia moderato.
    - III grado: nel caso in cui la ferita vada “da fuori verso dentro”, misuri più di 10 cm e presenti un’importante contaminazione; il terzo grado si divide ulteriormente in:
    - IIIA: nel caso in cui sia presente sufficiente copertura dell’osso
    - IIIB: nel caso in cui per ottenere adeguata copertura dell’osso siano necessari innesti o lembi di pelle
    - IIIC: nel caso in cui siano presenti lesioni dei vasi
    Al contrario, una frattura pluriframmentaria o comminuta è una frattura nella quale sono presenti più rime di frattura (risposta A errata). Invece, una frattura esposta al rischio di non consolidarsi è una frattura infetta, sottoposta a trazione, compressione o taglio eccessivo o accaduta in soggetti con fattori che influiscono negativamente sul processo di consolidazione come in caso di diabete, malnutrizione, trattamento con corticosteroidi o con indometacina (risposta B errata). Di contro, una frattura non consolidata è una frattura nella quale i frammenti dell’osso fratturato non sono ancora stati saldati mediante il fisiologico processo di consolidazione; ciò può richiedere, talvolta, un trattamento chirurgico (risposta C errata). Infine, una frattura caratterizzata da un forte spostamento dei frammenti è definita scomposta ed, anche in questo caso, può rendersi necessario un intervento chirurgico o una trazione per il riallineamento dei frammenti ossei (risposta E errata)

20 di 41 
"Per un carcinoma epatocellulare quale dei seguenti dati di laboratorio e' fortemente indicativo? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) ipergammaglobulinemia

B) ipoalbuminemia con inversione del rapporto albumine-globuline

C) aumento della fosfatasi alcalina

D) aumento della bilirubina indiretta

E) aumento di alfafetoproteina nel siero

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' aumento di alfafetoproteina nel siero '.

21 di 41 
"Le cisti epidermoidi in RM: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) causano sempre idrocefalo comunicante

B) sono sempre intra-parenchimali

C) sono fortemente iperintense nelle immagini T1- e T2-dipendenti

D) sono debolmente iperintense rispetto al liquor nelle immagini T1- e T2-dipendenti, fortemente iperintense in quelle DWI

E) presentano marcato enhancement dopo iniezione endovenosa di mdc

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' sono debolmente iperintense rispetto al liquor nelle immagini T1- e T2-dipendenti, fortemente iperintense in quelle DWI '.

22 di 41 
"Il tamponamento cardiaco e' una emergenza che si verifica in seguito: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) ad un incidente stradale

B) ad una grave stenosi mitralica

C) ad un forte trauma toracico

D) ad una grave stenosi aortica

E) ad un accumulo di liquido sotto pressione nel cavo pericardico

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' ad un accumulo di liquido sotto pressione nel cavo pericardico '.

23 di 41 
"Quali delle seguenti affermazioni sulle proteine del complemento e' FALSA: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) I livelli di complemento possono essere dosati come attivita' emolitica

B) Nella crioglobulinemia mista il C4 e' fortemente ridotto

C) I livelli di complemento sono ridotti nelle malattie da immunocomplessi

D) Il deficit di C5 si associa a lupus congenito

E) Il C3 e' una proteina di fase acuta

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Il deficit di C5 si associa a lupus congenito '.

24 di 41 
"Quale delle seguenti affermazioni e' falsa sul cancro dell'esofago?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) colpisce piu' gli uomini in rapporto di 5 a 1

B) e' piu' frequente a livello del terzo superiore

C) e' frequente nei forti bevitori e fumatori

D) tutte le risposte sono corrette

E) l'eta' di insorgenza e' 40-50 anni

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'e' piu' frequente a livello del terzo superiore'.

25 di 41 
"La laparoscopia nell'addome acuto rappresenta una controindicazione "assoluta" in caso di:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Sospetta appendicite acuta

B) nessuna risposta corretta

C) Cisti ovarica emorragica

D) Eta' inferiore ai 18 anni

E) Colecistite acuta litiasica

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'nessuna risposta corretta'.

26 di 41 
"NELLE VERTEBRE CERVICALI TIPICHE:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) i processi articolari, orientati come nelle vertebre lombari, favoriscono la flesso estensione

B) le superfici articolari, orientate a 45 , favoriscono la flesso-estensione 

C) l'estensione e' limitata dai processi spinosi fortemente inclinati verso il basso

D) i movimenti di inclinazione sono favoriti dall'orientamento delle superfici articolari nel piano sagittale

E) i movimenti di inclinazione sono limitati dai lunghi processi traversi

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la B
    Nelle vertebre cervicali tipiche, ovvero dalla vertebra C3 a C7, le superfici articolari, poste sui processi articolari, sono orientate sul piano sagittale a 45° favorendo i movimenti di flesso-estensione del capo. Diversamente, a livello lombare, i processi articolari presentano superfici articolari orientate a 90° sul piano sagittale con una limitazione dei movimenti di flesso estensione rispetto a quelli del rachide cervicale (risposta A errata). Invece, l’estensione è limitata dalla presenza di processi spinosi fortemente inclinati verso il basso, insieme ad un orientamento delle superfici articolari di 60° sul piano sagittale, a livello toracico, con progressivo aumento dell’inclinazione in senso cranio caudale (risposta C errata). Infine, i movimenti di inclinazione delle vertebre cervicali sono ottimali con un’inclinazione laterale compresa tra 35° e 45° e non sono limitati da processi trasversi relativamente corti (risposta E errata).

27 di 41 
"L'APPARECCHIO ISOCINETICO PUO' ESSERE UTILIZZATO "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) come strumento riabilitativo

B) per studiare la velocita' nella marcia

C) per valutare la presenza di rigidita' dell'articolazione unco-vertebrale

D) per studiare l'esecuzione di uno squat jump in atleti infortunati

E) come strumento di misura e di riabilitazione

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'come strumento di misura e di riabilitazione'.

28 di 41 
"In quale funzione cognitiva superiore e' fortemente coinvolto il sistema limbico? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) risposte di ipervigilanza

B) pensiero simbolico

C) controllo delle emozioni

D) memoria operativa

E) calcolo aritmetico

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' controllo delle emozioni '.

29 di 41 
"Un soggetto che assume per la prima volta una cps da 5 mg. di diazepam: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) ha una improvvisa sordita'

B) puo' avere un effetto sedativo molto forte e prolungato

C) ha un'improvvisa e importante elevazione della pressione arteriosa

D) manifesta un delirio persecutorio lucido e ben strutturato

E) lamenta artralgie

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' puo' avere un effetto sedativo molto forte e prolungato '.

30 di 41 
"L'invalidita' civile puo' essere ottenuta:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Dai soggetti affetti da postumi di infortunio o di malattia professionale

B) Solo dai cittadini italiani

C) Dai soggetti gia' riconosciuti invalidi dall'INPS

D) Da qualsiasi cittadino in possesso dei requisiti di legge

E) nessuna risposta corretta

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'Da qualsiasi cittadino in possesso dei requisiti di legge'.

31 di 41 
"Le lesioni da fendente sono caratterizzate da: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) margini lineari, poco divaricati e profondi, associati sempre alla presenza di codette

B) margini divaricati, profondi, accompagnati da segni di forte contusione, con presenza di ponti di tessuto ed angoli acuti

C) margini divaricati e privi di segni di contusione, angoli acuti ma quasi sempre privi di codette

D) margini divaricati, profondi, accompagnati da segni di forte contusione, angoli ottusi

E) margini divaricati, profondi, ecchimotici sui vari piani e sul fondo, angoli acuti ma quasi sempre privi di codette

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' margini divaricati, profondi, ecchimotici sui vari piani e sul fondo, angoli acuti ma quasi sempre privi di codette '.

32 di 41 
"Sono causa di esclusione o diminuzione dell'imputabilita': "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) l'ubriachezza volontaria o colposa

B) lo stato di necessita'

C) gli stati emotivi o passionali

D) il caso fortuito o la forza maggiore

E) il sordomutismo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' il sordomutismo '.

33 di 41 
"Si definisce invalido civile colui che : "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) ha perso il lavoro a seguito di infortunio o malattia professionale

B) e' inabile a qualsiasi lavoro.

C) ha perso la capacita' di guadagno nella misura del 100%

D) a seguito di infortunio lavorativo ha avuto un danno biologico maggiore del 35%

E) a seguito di minorazione congenita o acquisita ha subito una riduzione della capacita' lavorativa a meno di 1/3 o ,se ultra 65enne abbia difficolta' a compiere gli atti quotidiani della vita

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' a seguito di minorazione congenita o acquisita ha subito una riduzione della capacita' lavorativa a meno di 1/3 o ,se ultra 65enne abbia difficolta' a compiere gli atti quotidiani della vita '.

34 di 41 
"Se il soggetto al momento in cui ha commesso il fatto era in stato di ubriachezza piena: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) non e' imputabile, sempreche' sia anche sordomuto

B) non e' mai imputabile

C) non e' imputabile se si tratta di persona da considerare ubriaco abituale

D) e' imputabile

E) non e' imputabile solo se l'ebbrezza era dovuta a cause di forza maggiore o fortuite

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' non e' imputabile solo se l'ebbrezza era dovuta a cause di forza maggiore o fortuite '.

35 di 41 
"Quale e' il fattore di rischio piu' documentato per il melanoma cutaneo? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) presenza di acne

B) uso di creme abbronzanti

C) carnagione scura

D) assunzione di forti quantita' di alcol

E) esposizione al sole, specie in giovane eta'

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' esposizione al sole, specie in giovane eta' '.

36 di 41 
"Perche' e' importante trattare precocemente il varicocele?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Nessuna risposta corretta

B) per il rischio di tumori testicolari

C) per il rischio di trombosi

D) perche' provoca forte dolore

E) perche' danneggia entrambi i testicoli

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la A
    Il varicocele consiste in una dilatazione varicosa delle vene del plesso pampiniforme del testicolo ed è legato ad una stasi o reflusso venoso all’interno di queste vene. E’ una patologia rara prima della pubertà ma abbastanza frequente proprio a cavallo della pubertà fino all’età del giovane adulto. La sintomatologia è abbastanza scarsa e quasi mai è associato a dolore (Risposta D errata). Il problema è che, nella maggior parte dei casi, il varicocele si correla a problemi di fertilità maschile (l’infertilità nel 15-20% dei casi infatti è causata da varicocele) (Risposte B e C errate) ed è per questo motivo che bisogna intervenire precocemente dal punto di vista chirurgico, soprattutto in caso di varicocele di grado medio-alto: infatti nella visita clinica va sempre valutata la consistenza del testicolo omolaterale al varicocele perché il testicolo interessato (Risposta E errata) può risentire dell’ipossia e del danno da varicocele determinando sterilità. Come detto spesso il paziente non ha dolore ma giunge dal medico perché nota una tumefazione, un ingrossamento e un senso di peso a lato del testicolo. All’esame obiettivo si nota una tumefazione a lato dello scroto, il più delle volte situata superiormente al testicolo, che alla palpazione ha una consistenza nettamente inferiore al testicolo ed una sensazione palpatoria simile ad un "sacco di vermi".

37 di 41 
"A quale delle seguenti sindromi puo' associarsi il criptorchidismo?"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Noonan

B) Smith-Lemli-Opitz

C) Tutte le risposte sono corrette

D) Prader-Willi

E) Klinefelter

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la C
    Il criptorchidismo può associarsi alla sindrome di Noonan, di Smith-Lemli-Opitz, Prader-Willi e Klinefelter. Infatti, la sindrome di Noonan, determinata da mutazioni di diversi geni appartenenti alla cascata RAS MAPK, risulta caratterizzata da una facies tipica con ipertelorismo, inclinazione antimongolica delle rime palpebrali, padiglioni auricolari ad impianto basso, collo corto e tozzo con possibile pterigo, petto carenato nella regione superiore ed excavatum in quella inferiore associata a patologie d’organo di cui le principali sono la cardiopatia (soprattutto stenosi valvolare polmonare), le anomalie renali e genitali, come il criptorchidismo (risposta A errata). Invece la sindrome di Smith-Lemli-Opitz, dovuta a mutazioni del genere DHCR7 causante diminuzione della sintesi del colesterolo ed alterazioni nella normale formazione di membrane cellulari e mielina, appare caratterizzata da microcefalia, sella nasale larga con narici anteverse, micrognazia associate, talvolta, a palastoschisi, sindattilia e ad anomalie genitali come ipospadia, criptorchidismo o anomalie cardiache (risposta B errata). Di contro, la sindrome di Prader-Willi, sindrome che rientra nelle condizioni soggette ad imprinting genomico, secondaria a perdita del contributo paterno della regione 15q11.2, si presenta con volto allungato, occhi a mandorla con mani e piedi solitamente piccoli; caratteristico è lo sviluppo di obesità secondaria ad una tipica iperfagia patologica e l’ipogenitalismo caratterizzato da pene piccolo con scroto ipoplastico e criptorchidismo nei maschi ed ipoplasia clitoridea e delle piccole labbra nelle femmine (risposta D errata). Infine, la sindrome di Klinefelter, legata alla presenza di un cromosoma X patologico con un assetto del tipo XXY, si mostra con statura elevata associata ad arti lunghi e sproporzionati rispetto al tronco, ginecomastia, ipogonadismo ipogonadotropo con eventuale criptorchidismo, infertilità, aumentata incidenza di patologie autoimmuni e di osteoporosi (risposta E errata).

38 di 41 
"La classificazione secondo Jerger la troviamo nell'esame: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) olfattometrico

B) reattometrico

C) timpanometrico

D) vestibolare

E) audiometrico

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' timpanometrico '.

39 di 41 
"IN CASO DI FRATTURA DI TIPO LEFORT II, BISOGNA RICERCARE I SEGNI SEGUENTI:"

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) MALOCCLUSIONE

B) MOBILITA' DELLE OSSA

C) ASIMMETRIA

D) TUTTE LE RISPOSTE SONO ERRATE

E) TUTTE LE RISPOSTE SONO CORRETTE

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la 'TUTTE LE RISPOSTE SONO CORRETTE'.

40 di 41 
"Ad un valore di PMV (Voto medio previsto) di -1 corrisponde una sensazione termica di: "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) Leggermente caldo

B) Molto freddo

C) Leggermente freddo

D) Comfort

E) Freddo

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' Leggermente freddo '.

41 di 41 
"Un paziente sottoposto a prolungata terapia antibiotica presenta numerose scariche diarroiche con febbre e condizioni generali fortemente scadute. Alla colonscopia si repertano numerose placche grigio-giallastre confluenti; l'esame bioptico evidenzia distruzione delle cripte ghiandolari e stratificazione "a fungo" di materiale necrotico misto a fibrina. Di quale malattia si tratta? "

Sfoglia Il Nostro Libro
Leggi Il Primo Capitolo

A) colite pseudomembranosa

B) poliposi

C) enterocolite batterica

D) colite ischemica

E) morbo di Crohn

Non Rispondo

  • Mostra la Risposta!

    La risposta corretta e' la ' colite pseudomembranosa '.

Consegna il compito!

Tempo Rimasto 41 minuti!

Dottore, non aggiorni questa pagina prima del completamento della correzione.
Clicchi su "Consegna il Compito" per ottenere la correzione del compito.

consegna il compito
Pausa Simulazione
  • Buona Fortuna Dottore!

    Clicca su "Consegna il compito" per ottenere a correzione

background